'Oficina de Rua' parte da un'esperienza promossa dalla Municipalità di Salvador de Bahia chiamata 'Salvador Graffita', attraverso la quale si è realizzato un percorso di formazione alle arti grafiche destinato ad un gruppo di ragazzi della città al fine di permetterne la crescita come operatori culturali e sociali all'interno della città stessa.

Grazie al sostegno del circolo ARCI 'Fuori Orario', nel quartiere del Novo Marotinho di Salvador de Bahia è stata creata la prima biblioteca del quartiere. 

Salvador de Bahia è una città brasiliana fortemente caratterizzata da diseguaglianze sociali e violenza. La causa principale di morte per i giovani dai 15 ai 36 anni è l’omicidio ed il 13%  di questi avviene per mano della polizia, la quale abusa abitualmente della  propria posizione in virtù del mandato di mantenere la sicurezza generale.

 La violenza è presente a tutti i livelli della società, ma le fasce della popolazione più coinvolte sono quelle più povere e marginali.

ARCI SOLIDARIETÀ ha partecipato al progetto promosso da Reggio nel Mondo e dal Comune di Reggio Emilia, e realizzato insieme al GVC e alla Municipalità di Pemba,  per la costruzione di un nuovo centro salute in quartiere periferico della città: la zona in espansione di Eduardo Mondlane. Il Centro è gestito in toto da medici ed infermieri locali e ha a disposizione una sala maternità per il parto e un ambulatorio per l’assistenza.

Dalla collaborazione fra Arci Solidarietà e Tashi Tsering Lama nasce il progetto SARASWATI, nome della dea delle arti e delle scienze. Lo scopo è quello di garantire ai bambini delle famiglie tibetane in esilio, l’accesso alla formazione scolastica della propria cultura.

L'invasione del Tibet